Ticino Film Commission
22.09.2022 . Festival

Un assaggio di Ticino al pubblico del Zurich Film Festival

Il diciottesimo Zurich Film Festival (22 settembre – 2 ottobre) presenterà al pubblico quattro film girati in Ticino, tre anteprime di registi ticinesi e svariate coproduzioni.

Immagine dal film DIE GOLDENEN JAHRE di Barbara Kulcsar.

 

 

Lo Zurich Film Festival (ZFF) prende il via oggi con undici giorni di anteprime, grandi star del cinema e film molto attesi. Il ricco programma comprende anche film legati al Ticino perché diretti da registi ticinesi, girati nella nostra regione o coprodotti con la Svizzera italiana. Ecco gli appuntamenti da non perdere.

 

Venerdì 23 settembre alle 18.00 al Cinema Corso 1, si terrà la prima mondiale della commedia svizzera DIE GOLDENEN JAHRE della regista svizzero-ungherese Barbara Kulcsar. Il film, presentato nell'ambito della sezione "Gala Premieres" che presenta i film d'autore internazionali più attesi dell'anno, è stato girato in parte in Ticino, nel Luganese, nel 2021 con il sostegno della Ticino Film Commission.

 

Attraverso i protagonisti, interpretati da Esther Gemsch, Stefan Kurt e Ueli Jäggi il film narra la storia di Alice e suo marito Peter che, appena andati in pensione, sono pronti a godersi finalmente la loro vita da pensionati. Ma i loro problemi coniugali repressi vengono a galla durante una crociera nel Mediterraneo. I coniugi finiscono per intraprendere viaggi separati alla scoperta di se stessi, trovando entrambi modi inaspettati di trascorrere gli anni d'oro.

 

Il film è prodotto dalla zurighese Zodiac Pictures in coproduzione con Claussen+Putz Filmproduktion, SRF, SRG SSR, ZDF e blue+ Blue Entertainment, ed è distribuito da Filmcoopi Zürich.  Info e ulteriori proiezioni qui.

 

 

 

 

Mercoledì 28 settembre alle 17.00 al cinema Kosmos debutterà invece la nuova miniserie di documentari FUTURA!, una raccolta di dieci brevi documentari che riunisce dieci giovani registi svizzeri provenienti da contesti diversi per ritrarre una Svizzera in trasformazione in tutta la sua diversità. Il risultato è un quadro caleidoscopico di una generazione tanto diversa quanto impegnata, che sta cambiando e si sta sviluppando a ritmo sostenuto.

 

 

 

Tra le opere della collezione che ci portano a scoprire ritratti di dieci sorprendenti e singolari comunità di un mondo in piena mutazione, figurano anche due corti realizzati da due registe emergenti del cinema ticinese e svizzero. Agnese Làposi presenta il corto LE PIÙ LUNGHE ANTENNE che segue le giornate piene di poesia di un giovane poeta che organizza gare di Poetry Slam, mentre Milly Miljkovic con VEVERICE ci porta nel mondo della danza popolare serba con la storia del giovane coreografo Vladi che, per preservare e tramandare la danza tradizionale, cerca di riunire il gruppo di ballo dopo che la pandemia ha costretto a interrompere le prove. Due film documentari girati nei mesi scorsi nel Luganese con il sostegno della Ticino Film Commission e prodotti dalla casa di produzione ticinese Cinédokké.

 

La raccolta di cortometraggi FUTURA! è il risultato di una collaborazione nazionale tra la società di produzione ginevrina Akka Films, la società di produzione ticinese Cinédokké e della zurighese Dschoint Ventschr in coproduzione con RSI, RTS, SRF e la SSR. Subito dopo al debutto al ZFF, i dieci documentari di circa 15 minuti ciascuno saranno disponibili sulla piattaforma streaming Play Suisse, doppiati e sottotitolati in italiano, francese e tedesco. Info e ulteriori proiezioni qui

 

Siamo inoltre molto lieti di annunciare che BECOMING GIULIA, documentario d'esordio della regista ticinese Laura Kaehr, sarà presentato in anteprima mondiale al ZFF, nella sezione "Focus competition", venerdì 23 settembre alle 18.30 al Cinema Corso. Il documentario esplora il microcosmo di un grande teatro d'opera. La regista ed ex ballerina di danza classica Laura Kaehr segue da vicino la sua protagonista Giulia Tonelli, ballerina professionista principale del Teatro dell'Opera di Zurigo, che con la sua passione per la danza classica, cerca di gestire l'impegnativo equilibrio tra maternità e danza professionale, sfidando gli stereotipi del passato. Il documentario è prodotto da Point Prod in coproduzione con SRF, RTS e RSI. Info e ulteriori proiezioni qui.

 

 

 

 

Infine, tra le proiezioni speciali dello ZFF segnaliamo il film MAD HEIDI del regista svizzero Johannes Hartmann. Una rivisitazione in chiave horror e splatter del classico della letteratura che è stata girata anche in Ticino, più precisamente al Castelgrande di Bellinzona. Ulteriori informazioni qui.

 

Il programma completo del 18° Zurich Film Festival può essere consultato al seguente link.

Festival
Tutte le news
Ticino Film Commission, PalaCinema Via F. Rusca 1, CP 20, 6601 Locarno
T +41 91 751 19 75 | info@ticinofilmcommission.ch

© 2022 Ticino Film Commission | Website: redesign.swiss